L’All-Star di Parigi verrà ricordato come uno scontro fra tre titani: con gli SKT T1 K, i Taipei Assassins e i Fnatic, sarà la prima volta che tre campioni mondiali si sfideranno sotto lo stesso tetto. I Taipei Assassins, in particolare, hanno molto da dimostrare. La loro formazione attuale non ha avuto un grande impatto all’IEM Katowice. Con una formazione aggiornata, a Parigi, sottovalutarli potrebbe essere un rischio.


AD carry – Bebe

Rapporto di uccisioni: 7,57

Campione più giocato: Sivir

Bebe si è rivelato molto bravo nei panni del capitano, ed è l’ultimo membro rimasto dai campionati mondiali della stagione 2. La stagione 3 è stata difficile, per lui, perché dovendo mettere insieme una squadra nuova ha giocato in tutti i ruoli (evitando solo la giungla e il supporto), ma ora può tornare alla sua posizione di carry, dando agli Assassins delle basi solide e affidabili.

Di recente il suo stile si è evoluto, abbandonando campioni sicuri e mobili come Ezreal e Sivir che gli hanno permesso di incrementare il suo rapporto di uccisioni mentre i tank distraevano il nemico. Anche se i campioni duellanti come Twitch e Draven rischiano sempre di spingersi troppo avanti, specie contro rivali combattivi come AHQ, il suo rapporto di uccisioni non è cambiato. Se le squadre non riusciranno a tenerlo sotto controllo, punirle sarà un piacere tutto suo.


Supporto – Jay

Rapporto di uccisioni: 4,63

Campione più giocato: Thresh

Lo stile di supporto di Jay è in netto contrasto con quello dell’ex capitano, Mistake: i supporti passivi dalla distanza non gli si addicono. Preferisce giocare pesante con Leona e Thresh, cercando di ottenere un vantaggio diretto sulle corsie e negli scontri a squadre, invece di accumulare vantaggi indiretti facendo pressione.

Non si può dire che non sappia giocare con altri campioni, anche perché la sua Leona viene vietata spesso e volentieri. Detto questo, le Fiamme solari sono la sua mossa distintiva.


Corsia Centrale – Morning

Rapporto di uccisioni: 6,55

Campione più giocato: Lulu

Morning ha già mostrato la sua abilità in corsia, devastando i Gambit Gaming a suon di Mega bombe infernali ed eliminando Alex Ich con dei tiri mirati impeccabili. Come quasi tutti i centrali taiwanesi, porta avanti l’eredità di Toyz in un modo ben preciso: giocando con un’Orianna che esige rispetto. Con il ritorno sotto i riflettori della fanciulla meccanica, la domanda non è se la vedremo, ma quante volte le squadre avversarie gli permetteranno di usarla.


Corsia Superiore – Achie

Rapporto di uccisioni: 5,23

Campione più giocato: Renekton

La corsia superiore di Archie ha un’eredità difficile. Il suo predecessore, Stanley, è un noto innovatore, che ha giocato campioni che nessuno osava portare sui palchi competitivi. Non andava sempre bene (per ogni Revolver Hextech con Vladimir che ha inventato, c’è un esperimento fallito con Cassiopeia) e di tanto in tanto finiva vittima di continue imboscate.

Achie, in confronto, gioca una corsia superiore ortodossa, ma non senza i suoi tratti distintivi. Prima delle modifiche, usava Gragas in superiore: la sua combinazione di tank e disturbo dalla distanza lo rendeva ideale anche nelle aggressioni 2v1, o persino nelle spinte 4v0. Il restyling del provocatore potrebbe mitigare la sua preferenza per le configurazioni da carry con potere magico, ma ha giocato contro la versione completamente tank di Vietnam per aggirare le modifiche.


Giungla – Winds

Rapporto di uccisioni: 4,26

Campione più giocato: Kha’Zix

Il “Re dei ladri” del Sud Est Asiatico ha fatto il botto, ai tempi dell’ingresso nei Taipei Snipers: durante la stagione 2, con i Gamania Bears, è stato scelto come rappresentante, essendo chiaramente uno dei migliori giocatori della seconda generazione di League of Legends taiwanese. Molti si sono chiesti come se la sarebbe cavata con gli Snipers, ma i risultati parlano da soli: ha rubato decine di draghi e Baroni, guadagnandosi la sua reputazione come uno dei migliori giocatori della giungla del Sud Est Asiatico.

Ora è nei Taipei Assassins. Secondo molti membri della community, è un grande miglioramento rispetto al suo predecessore, DinTer. Ha dimostrato di sapere condurre senza problemi la squadra, anche quando agli Snipers mancava la leadership di Mistake, e sappiamo anche che è ben capace di adattarsi a una nuova formazione.

Aspettando i TPA a Parigi

I Taipei Assassins sono una squadra completa. Hanno delle corsie solide e hanno una coordinazione straordinaria negli scontri a squadre. Quando sono in difficoltà, possono affidarsi a Bebe, capace di dominare da solo ogni partita. Possiamo aspettarci dei fuochi d’artificio a inizio partita: è una squadra molto aggressiva, e la nuova giungla di Winds non vede l’ora di mostrare la sua leadership e la sua abilità sul palco mondiale.

sul palco mondiale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.