Salute a tutti, Summoners d’Italia!
League of Legends, come avrete ben notato, è una realtà che va al di la del solo gioco confinato sul client: Il prodotto che Riot Games offre è stato in grado di coinvolgere la community nei più svariati modi: Vignette ironiche, disegni spettacolari, action figures mozzafiato, canzoni dedicate e soprattutto Cosplay.

In questo particolare caso, vogliamo soffermarci sull’ultimo degli ambiti sopracitati: Il Cosplay.

Specie negli ultimi tempi si è molto diffuso l’argomento riguardante il Cosplay di League of Legends: chi non si è imbattutto almeno una volta, navigando sul web, sull’impersonificazione del proprio campione preferito?
Con l’affermarsi della popolarità di League of Legends, quest’eventualità diviene ogni giorno più rara: Ultimamente capita addirittura di vedere una determinata skin indosso ad un Cosplayer prima dell’effettivo relase!

In italia, il fenomeno del cosplay di League of Legends ha preso piede fin dalla lontana Season I, quando League of Legends era un gioco di nicchia che contava poche migliaia di giocatori al mondo, quando i server erano solo 3. Era raro incontrare in carne ed ossa, o sul web, il Cosplay del proprio champion preferito ed era sempre una gran sorpresa poter gridare in fiera, da lontano, “guardate, lì c’è Annie!!”

Ma prima di dilungarci su quest’argomento, apriamo una breve parentesi sul concetto di Cosplay, termini utilizzato sempre più spesso e sempre più comune alla vita cibernetica.
Cosplay deriva da due parole “cos”, l’abbreviazione di “costume” e “play”, dal verbo inglese “interpretare”. Dunque, il cosplay è quell’arte di interpretare un costume indossato.
Ma detto così, il concetto sminuisce molto ciò che si cela davvero nel retro dell’essere un Cosplayer.
Impegno, ignegno, ore a studiare un determinato corpetto o una determinata arma, ore a capire le movenze di quel dannato campione ma anche impegno da parte di coloro che son stati capaci di immortalare le immagini dei nostri beniamini.
L’hobby del Cosplay in tema League of Legends, in Italia, è assai diffuso e vanta di un numero di cosplayer sempre in crescita: Dal cosplayer in erba che indossa un capellino di Teemo ed una cerbottana al pro-cosplayer che osa sfoggiare sulla propria schiena le aracnoidi zampe di Elise, son pochi coloro che non restano ammaliati da almeno uno dei concept che i champion di Riot Games offrono, e la voglia di prendere i loro panni, almeno per uno scatto, è sempre in crescita. E’ per questo che durante le varie fiere ludiche sparse per tutt’Italia, al giorno d’oggi non sarà difficile per gli appassionati di League of Legends imbattersi nel proprio main champion con il quale riuscite sempre a stealare il Baron Nashor oppure avere l’opportunità di guardare quel maledetto Teemo, che feedda top, occhi negli occhi.
I cosplayer di League of Legends, in gran parte del suolo italiano, rappresentano il gruppo CLIC, Community of League of Legends Italian cosplayer. Questo gruppo vanta un numero superiore ai 400 membri attivi, provenienti da tutto il suolo italiano. CLIC è il primo gruppo ufficiale di cosplayer a tema League of Legends sul suolo italiano e col passare del tempo e dell’impegno dei propri membri e dello staff degli admin, è sempre più comune vedere CLIC coinvolto negli eventi targati League of Legends.

CLIC, CLIC, CLIC. Il nome non vi suona familiare..?
Ebbene sì, all’evento di Lancio del Client Italiano, erano i ragazzi di CLIC ad aver sfilato sul palco di Riot. Ed ai vari stand di Comicon e Lucca, CLIC era presente. Quest’estate una HeadHunter Nidalee appariva sul Client di League of Legends: Una cosplayer di CLIC che rappresentava l’Italia al Gamescom. Le ragazze in diretta streaming? Ragazze di CLIC!
Con questa rubrica cosa vogliamo offrirvi, Summoners? L’opportunità di conoscere più da vicino l’impegno e la bravura dei cosplayer Italiani che interpretano con grande impegno il tema League of Legends. Capita spesso di sottovalutare ciò che d’Italiano c’è, e magari chissà quante volte sarà capitato di elogiare lo scatto di un cosplay trovato sul web, ignorando invece che proprio quel costume così bello possa nascere dalle mani e dalla dedizione di un Fan Italiano.
Rappresentando CLIC e tutti i cosplayer italiani di League of Legends, questa rubrica vi presenterà i talenti di tutti coloro che dedicano il proprio tempo libero a realizzare vere e proprie opere d’arte, così che tutta la community possa apprezzare ciò che è questo fantastico mondo chiamato Cosplay.

Settimana dopo settimana vi presenteremo costumi, cosplayer, e perché no, vi sveleremo il lavoro che si cela dietro ad ogni costume, dietro ad ogni scatto, dal più semplice al più complesso in modo da familiarizzare con coloro che sicuramente, ai prossimi eventi videolucidi, incontrerete e i quali saranno felici di concedervi uno scatto insieme.
Per il momento, però, ci fermiamo qui, lasciandovi con un po’ di suspence su ciò che saranno i nostri prossimi appuntamenti.

Ma prima di salutarvi, vi lascio con una domanda: Qual’è il Champion che più adorate vedere in versione Cosplay carne ed ossa?

Alla prossima, Summoners!

Aleeusha

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.