Quando abbiamo stabilito le regole della LCS, chiedendo alle squadre e ai giocatori di rispettarle, avevamo intenzione di creare una lega di esport basata sul rispetto, sulla correttezza e sull’integrità competitiva. Nonostante tutti i meme pubblicati, la nostra idea non è mai stata quella di arricchirci con le multe alle squadre. Volevamo stabilire un codice professionale a cui le squadre potessero attenersi e scoraggiare eventuali future infrazioni.

All’inizio della stagione 2014, vi abbiamo detto che avremmo donato tutte le multe in beneficenza, quindi siamo tornati sull’argomento illustrandovi dove abbiamo deciso di inviare il denaro. Abbiamo deciso di donare il denaro proveniente dalle multe della LCS 2014 a The Trevor Project.

Sì, ci abbiamo messo un po’. Scegliere un valido destinatario per i fondi è stato difficile, motivo per cui ci siamo presi più tempo del dovuto. Volevamo una causa appropriata e significativa per i giocatori, le squadre e i fan che compongono il pubblico degli esport di LoL… un pubblico molto vasto.

Essendo la prima grande donazione, vogliamo che il denaro raccolto nella stagione 2014 faccia la differenza per una causa in particolare. Abbiamo pensato a qualcosa di importante per la community, a un tema molto caro a tutti noi: la lotta contro le molestie e la discriminazione.

Siamo una community che si riunisce per giocare insieme e sappiamo quanto sia importante avere un ambiente online accogliente e privo di molestie. È cruciale fare tutto il possibile per contrastare i bulli ogni volta che si presentano. È anche per questo, in fondo, che Riot cerca sempre nuovi modi per supportare le esperienze di gioco positivi. Non è un caso se la community di LoL ha reagito con tanta convinzione contro le molestie, votando in favore delle punizioni ai danni di chi rovina il divertimento altrui. Ci aspettiamo che i pro diano il buon esempio, nelle loro partite, adottando un comportamento sportivo. Anche se la maggior parte delle multe non deriva da comportamenti in partita, ci sembra giusto che le multe vadano nella stessa direzione dei nostri sforzi per creare un mondo di gioco accogliente per tutti i giocatori, dentro o fuori dal gioco, in tutte le parti del mondo.

Abbiamo deciso di donare il denaro proveniente dalle multe della LCS 2014, un totale di 31.850 $, a The Trevor Project, un’organizzazione che fornisce assistenza nei momenti di crisi e prevenzione dei suicidi per i giovani LGBTQ. Ci piace come l’organizzazione crea un ambiente sicuro e accessibile a tutti, con una linea telefonica per la prevenzione dei suicidi, servizi tramite IM e sms e TrevorSpace, la più grande community social per i giovani LGBTQ di tutto il mondo. Supportiamo il loro impegno contro la discriminazione e il bullismo e ammiriamo la trasparenza dell’organizzazione.

La prevenzione dei suicidi e la lotta contro l’omofobia sono temi molto cari alla community di LoL. Prendendo in esame le segnalazioni, abbiamo scoperto che le partite in cui compariva la parola “faggot” (l’equivalente italiano “frocio”) ricevono il 165,84% di segnalazioni in più di quelle con la parola “fuck” (l’equivalente di “cazzo” nel contesto più comune). Allo stesso modo, abbiamo punito tempestivamente i giocatori che incoraggiavano al suicidio nei momenti più intensi delle partite: le partite con dei “kill yourself” (“ammazzati”) in chat hanno ricevuto il 225,65% di segnalazioni in più di quelle con la parola “fuck”. Siete una community che trova queste parole offensive, e noi siamo con voi. Le molestie hanno delle conseguenze che trascendono le parole in una chat, ed è per questo che il lavoro di organizzazioni come The Trevor Project è così importante. Speriamo che questo denaro possa avvicinare l’obiettivo di un ambiente sicuro e accogliente per tutti, a prescindere dall’orientamento sessuale.

Siamo una comunità varia e con tantissime passioni. Non abbiamo modo di contribuire a tutte le cause in cui crediamo, ma Riot ha molti altri piani per supportare enti benefici e non-profit. Siamo solo all’inizio. Condivideremo altre notizie sul nostro approccio alla filantropia nei prossimi mesi, ma nel mentre ci farebbe piacere sapere cosa pensate della causa che abbiamo scelto e se avete ulteriori idee per le donazioni delle future multe.

A prescindere da chi siete e da dove venite, siete tutti benvenuti e benvenute nella Landa. Fino a che non potremo dire lo stesso di tutto il mondo, saremo felici di supportare questa causa offrendo il nostro piccolo contributo, frutto di un’incredibile stagione 2014 che ci ha uniti, come gamer, come fan degli eSports e come persone con pari diritti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.