MEMORIALE

 

In questo mondo non ci viene regalato nulla. Tutto viene preso da chi ha il potere e la volontà di farlo. Oggi onoriamo un uomo che ha incarnato lo spirito di Noxus, un uomo a cui nulla ha mai negato la vittoria, nemmeno la morte.

Mi ricordo bene il giorno in cui morì. Il nostro odiato nemico stava marciando verso di noi, in forze. Le truppe erano fuori dalle nostre mura, con dieci uomini per ognuno dei nostri. Il loro re codardo si nascondeva dietro al suo esercito, per vederci coi suoi stessi occhi mentre venivamo spazzati via da Valoran. Mentre tutti mi consigliavano di sbarrare i cancelli, obbligando gli invasori a combattere per ogni singolo centimetro di terra noxiana, quest’uomo chiese a gran voce che li affrontassimo apertamente. Non era disposto a rinchiudersi tra mura di Noxus, non finché il nemico era vivo e vegeto. Con i nostri guerrieri alle sue spalle, marciò come un gigante tra la feccia di Demacia, con un solo obiettivo: tagliare la testa all’esercito.

Le guardie reali di Jarvan credevano di poter frenare la sua carica. Si sbagliavano. Li falcidiò, uno dopo l’altro, fino a che non rimase solo il re. Molti uomini, stanchi e feriti, avrebbero rinunciato all’attacco, ma lui era un vero figlio di Noxus. Sfidò Jarvan, combattendo fino allo stremo delle forze, e venne battuto… ma non fu sconfitto. Con il suo ultimo respiro, strinse le mani intorno alla gola del re, spezzando la volontà di un’intera nazione.

Ogni noxiano dovrebbe guardare questo memoriale e sapere che è questo che mi aspetto da voi: se dovete morire, fatelo in gloria. Il mondo deve vacillare per la vostra scomparsa.

 

I SEMI DEL DUBBIO

 

THORN: Il gran generale sta facendo buon viso a cattivo gioco, ma questa perdita lo colpisce più di quanto lasci intendere. Senza il suo più grande sostenitore, si sente sulle spalle lo sguardo traditore dei suoi generali.

PETAL: Deve essere scelto un successore. Demacia è scossa. Non possiamo sprecare questa occasione!

THORN: Darkwill vede assassini in ogni ombra: è paralizzato dalla paura.

LEBLANC: No. Sta prendendo tempo. Darkwill non è diventato il gran generale facendo il codardo. Scopriamo perché.

PETAL: Gli uomini di Darkwill stanno cercando qualcosa. Rovistano nei libri arcani: riti a base di sangue e ossa, reliquie delle Isole Ombra e cose ancor più tetre.

THORN: Desidera cose che possiamo offrirgli. È un’occasione interessante.

LEBLANC: Cercherò di annoiarlo. Se è ricettivo, accertati di avere ciò che promettiamo.

 

Guarda il promo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.